Impegno sociale

Abbiamo a cuore i nostri dipendenti

Quando, nel maggio 2008, il ciclone tropicale Nargis, si è abbattuto sulla Birmania, molte esistenze sono state distrutte. Non solo lo stabilimento della nostra azienda a Yangon, Birmania, ha subito numerosi danni, ma anche e soprattutto molte abitazioni dei nostri dipendenti sono state completamente distrutte.





Sotto la direzione del titolare Georg Weber-Unger è stato immediatamente istituito un fondo di aiuti per raccogliere donazioni in tutto il mondo. In breve tempo sono stati raccolti circa 40.000 dollari statunitensi che sono stati messi a disposizione dei dipendenti in loco.



ANITA sostiene e accompagna le donne operate al seno

Le attività di charity non sono nate oggi. Negli ultimi anni, però, le azioni di raccolta fondi si sono moltiplicate come funghi: in ogni località è sorta un'associazione con uno scopo benefico. Il triste è che spesso si perde di vista la finalità e tutto si trasforma in un un’azione puramente commerciale.

Certamente ci sono anche piccole campagne efficaci con cui è possibile fare grandi cose.

Da anni ormai ANITA punta su progetti di charity locali di questo tipo. E lo fa con successo! Dal 2006 sono stati raccolti fondi per circa 200.000 euro. Diciamo grazie a tutti quelli che ci hanno offerto il loro generoso aiuto!



Teddy bear per uno scopo buono

Abbiamo dato vita alla nostra campagna di beneficenza teddy bear già nel 2005. I teddy bear venivano consegnati al prezzo di acquisto ai negozi specializzati che tenevano i prodotti Anita nel loro assortimento. Per ogni teddy bear ANITA dava un euro in beneficenza.

Dall'inizio della campagna ANITA ha devoluto a favore di associazioni di auto-aiuto post-cancro e dell'organizzazione "Susan G. Komen for the Cure" più di 150.000 euro.




ANITA si prodiga in particolare per le madri malate di cancro e i loro bambini

Nel 2013 ANITA ha organizzato un'altra raccolta fondi a livello locale. Per ogni reggiseno ANITA o ROSA FAIA con il fiocco acquistato, la cliente donava 1 euro in beneficenza.

Complessivamente sono stati raccolti 5.000 euro che sono stati devoluti alla fondazione Rexrodt von Fircks. L'organizzazione aiuta madri malate di cancro al seno e le loro famiglie a guarire e a ritrovare la gioia di vivere.